Calcio Italiano ESCLUSIVO MASSIMO ODDO: MILAN, ATTENTO ALLA RABBIA DELLA LAZIO

ESCLUSIVO MASSIMO ODDO: MILAN, ATTENTO ALLA RABBIA DELLA LAZIO

610

oddoLa ventiduesima giornata di serie A si chiuderà con il posticipo domenicale tra Lazio e Milan, due squadre alla ricerca di punti seppure per motivi diversi. La sponda biancoceleste di Roma vive un momento particolare segnato dalla contestazione di ieri pomeriggio alla squadra e reduce da due sconfitte consecutive. I rossoneri, invece, cercano punti per non perdere troppo contatto dalla capolista Inter e per rifarsi dopo il pareggio beffa contro il Genoa. Calciomercato.it ha contattato in esclusiva Massimo Oddo, ex giocatore di Lazio (dal 2002 al gennaio 2007) e Milan (cresciuto nelle giovanili rossonere e tornato all’ovile da gennaio 2007 ad agosto 2008) ed attuale protagonista in Germania con il Bayern Monaco insieme a Luca Toni. Una terra che ha portato molta fortuna al 32enne difensore: Oddo era, infatti, tra i 23 uomini che a Berlino il 9 luglio 2006 conquistarono il Mondiale con l’Italia di Marcello Lippi. Il Campione del Mondo, con la solita cortesia, ha ‘giocato’ per noi in veste di doppio ex Lazio-Milan.

La Lazio sta attraversando un periodo negativo, un punto conquistato nelle ultime tre partite. Ha le qualità per uscirne?
“Si, assolutamente. In un campionato le cose non sempre vanno bene. La Lazio è un’ottima squadra, sicuramente non attrezzata per competere con le big, ma una formazione che gioca un ottimo calcio e sono sicuro che riuscirà a venirne fuori”.

Mentre il Milan, nonostante il pareggio interno con il Genoa di mercoledì, è in un buon momento e con un in più nel motore.
“Al contrario della Lazio è una squadra creata per vincere, tutti i componenti della rosa sono giocatori di grandissimo valore e anche quando manca qualche pedina importante sono sempre sostituiti da giocatori altrettanto validi. Sta dimostrando tutto il suo valore in questo momento e sta facendo bene al di là poi del risultato dell’ultima partita. E’ una squadra sempre temibile e dirà la sua fino alla fine”. Beckham

Che partita ti aspetti, anche alla luce delle difficoltà ambientali che dovrà affrontare la Lazio, contestata dai propri tifosi ieri pomeriggio a Formello?
“Il tifoso laziale è caldo e vuole sempre il massimo, com’è giusto che sia per una società e una piazza così blasonata. In questi ultimi anni la Lazio ha dovuto lottare con alcune problematiche e ne sta uscendo adesso, credo che la società stia facendo tutto il possibile per riportare ad alti livelli questa squadra. Sono un gruppo di ragazzi validi, guidati da un allenatore validissimo, che proprio nel momento di difficoltà possono trovare le motivazioni per risorgere e sicuramente domenica non sarà una partita semplice per il Milan”.

Sfida nella sfida quella tra due giovani bomber, Zarate e Pato. Con quest’ultimo hai anche avuto l’opportunità di giocare durante l’esperienza al Milan. Cosa pensi di questi due giocatori?
“Zarate non lo conosco bene, l’ho visto solo in televisione, ma sicuramente ha dimostrato di avere doti tecniche non indifferenti. Per quanto riguarda Pato, avendolo visto da vicino, posso dire che è un giocatore incredibile. E’ giovanissimo, ha delle qualità immense e sicuramente diventerà uno dei migliori al Mondo”.

Dove possono arrivare le due squadre?
“Il Milan può ambire a vincere tutte le competizioni che affronta quest’anno, mentre la Lazio, come gli altri anni, può sicuramente dare fastidio a tutte le formazioni che lottano per un posto in Champions  League”.

Lasciando da parte Lazio-Milan, come giudichi la tua esperienza in Germania al Bayern Monaco?
“Esperienza sicuramente positiva, sotto tutti i punti di vista. Sta andando bene, a parte queste tre giornate di squalifica che mi hanno dato un pò immeritate, e siamo in lotta su tutti i fronti. Sono in una delle migliori società d’Europa ed è senza dubbio una bella squadra nella quale giocare, altrimenti non avrei fatto questa scelta”.

Per concludere: giugno è lontano, ma tu sei in prestito ai bavaresi fino a quella data. Futuro?
“E’ ancora presto per parlarne. Ripeto, stiamo lottando per tutte le competizioni e tanto conteranno i risultati che otterrà la squadra. Adesso è ancora troppo presto, poi si vedrà”.


Fonte: CalcioMercato.it di Alessio Lento

Booking.com