Calcio Italiano Iaquinta: «Finalmente sto bene: ora voglio i Mondiali»

Iaquinta: «Finalmente sto bene: ora voglio i Mondiali»

361

L’attaccante della Juve il giorno dopo la doppietta contro il Bari: «Era da tanto che aspettavo il gol: la mia esultanza rabbiosa deriva da quello. Fisicamente sto bene. Spero di fare al meglio le ultime tre partite e convincere Lippi a portarmi in Sudafrica»

 

IaquintaIl giorno dopo la doppietta contro il Bari, Vincenzo Iaquinta gode. Non solo per i gol e la vittoria, ma anche e soprattutto perché si sente di nuovo un giocatore di calcio dopo cinque mesi di calvario tra infermeria, fisioterapia e allenamenti differenziati. «È bello – dice ai microfoni di Sky Sport 24 – perché da tanto aspettavo il gol. Dopo cinque mesi fermo per l’infortunio al ginocchio sono contento di essere tornato disponibile e in più con i miei gol abbiamo vinto una partita difficile».

Molti sono rimasti stupiti dall’esultanza rabbiosa dell’attaccante della Juve, che dopo la prima rete si è tolto la maglietta (e si è beccato il giallo: recidivo) e ha preso a calci un cartellone pubblicitario urlando come un invasato. Iaquinta, che il giorno dopo è molto più tranquillo, la spiega così: «Un po’ di rabbia dentro per un giocatore che rimane fuori così a lungo è normale».

Quanto al futuro, vale a dire le ultime tre giornate di campionato e il Mondiale in Sudafrica, Vincenzo si mostra abbastanza ottimista: «Adesso sto iniziando a stare bene fisicamente – afferma -. Dopo tanto tempo che sono rimasto fermo ora sto ingranando. È un messaggio per Lippi? Anche, ma l’importante adesso è che sto bene. Cercherò di fare al meglio le partite che mancano, poi il ct deciderà se portarmi o no».


Fonte: Corriere dello Sport

Booking.com