Calcio Italiano Juve, Sarri ad un passo dall’esonero: Il tecnico si difende ma non...

Juve, Sarri ad un passo dall’esonero: Il tecnico si difende ma non convince

Maurizio SarriJuve, Sarri ad un passo dall’esonero: Il tecnico si difende ma non convince . La notizia è del Corriere della Sera e ha del clamoroso: Maurizio Sarri è a rischio esonero. Non solo colpa di Sarri, però. Da Pjanic a Rabiot, da Ramsey agli equivoci tattici tra Dybala e Ronaldo ed il caso Higuain.

Juve, Sarri ad un passo dall’esonero: Il tecnico si difende ma non convince. Il ko in Coppa Italia contro il Napoli di Gattuso, arrivato dopo due partite giocate a bassissimi livelli dalla Juve, non è stato digerito dalla dirigenza che medita il divorzio dal tecnico. “Due partite bastano per riaccendere una crisi che la vittoria sull’Inter prima dello stop per il virus aveva congelato – scrive il Corsera sul proprio sito online -. Ma quella Juve era reduce dalla sconcertante prestazione di Lione nell’andata degli ottavi di Champions e le prestazioni a bassa intensità e bassa qualità contro Milan e Napoli (due 0-0, fino al ko ai rigori all’Olimpico), hanno scatenato di nuovo l’ampio movimento anti sarriano all’interno del variegato popolo di tifosi juventini.

Juve, Sarri ad un passo dall’esonero: Il tecnico si difende ma non convince.  Al netto di tutto, una cosa è chiara: questa Juve non può andare avanti a trascinarsi in questo modo. E se non ci sarà una svolta in campionato e in Champions, nonostante l’agenda stravolta dal virus, Sarri rischia. Lui si difende, ma non convince neanche a parole, oltre che nei fatti. Parla di dominio territoriale netto nella finale persa (e con il bilancio a favore del Napoli nelle occasioni). Rifiuta il concetto di Juve senz’anima, anche se chi entra dalla panchina ha un impatto e un atteggiamento non positivo e se la squadra non fa mai nulla più del minimo sindacale, portando avanti un piano di gara senza mai un’alzata di ingegno e tantomeno un aumento di ritmo”.

Juve, Sarri ad un passo dall’esonero: Il tecnico si difende ma non convince.  Non solo colpa di Sarri, però. Da Pjanic a Rabiot, da Ramsey agli equivoci tattici tra Dybala e Ronaldo: in molti non stanno dando il contributo sperato. Il Corsera, poi, sottolinea anche il caso-Higuain. Insomma, la situazione è critica. “Proprio la mancanza di elasticità dell’allenatore anche nella lettura della partita (vedi la gestione delle sostituzioni) sembra un limite che rischia di appesantire la situazione – aggiunge il quotidiano -. Quella era la specialità di Max Allegri, alle prese con problemi strutturali come Sarri e giubilato dalla piazza social e poi dalla Juve, che tra dieci giorni finirà di pagargli il ricco contratto. In dodici mesi la Juve non ha fatto passi in avanti, anzi. Se non li fa adesso, nel duro corpo a corpo con la Lazio, il colpevole sarà ancora l’allenatore”.

(Fonte: fcinternews)

Booking.com