Calcio Italiano Juventus: Vialli for president

Juventus: Vialli for president

455

Siluro a Blanc, John Elkann vuole l’ex

 

gianluca_vialliIl destino di Jean-Claude Blanc è ormai segnato. Oltre alla concreta possibiltà di perdere l’investitura presidenziale, il manager francese il prossimo anno rischia pure di restare privo della carica da direttore generale. La svolta nell’organigramma bianconero parte anche da chi ha più titoli, ma anche maggiori responsabilità in questa stagione. Il futuro di Blanc, secondo i piani societari juventini, pare sarà circoscritto all’aspetto relativo al marketing mantenendo soltanto la carica di amministratore delegato. Ma vicino all’addio, in questa minirivoluzione dei vertici, compare pure l’attuale direttore sportivo Alessio Secco.

John Elkann e il suo entourage vanno spediti, vogliono una rifondazione totale e in queste ore stanno per chiedere a Gianluca Vialli di accettare la carica più importante della Juve. Il cremonese era già stato precedentemente contattato dai bianconeri come eventuale successore di Ferrara, invito però respinto con garbo vista l’amicizia che legava i due e perchè l’ex bomber bianconero ormai non allenava più da 8 anni. Adesso l’innesto societario di Vialli, peraltro molto stimato dalla famiglia Agnelli, fin dai tempi dell’Avvocato, è invece possibile.

Vialli presidente e diesse oppure Vialli presidente affiancato da Lippi nella veste di D.T. Un ricongiungimento di due grandi bianconeri come ai tempi della Champions conquistata nel ’96 a Roma in finale contro l’Ajax. Un’ipotesi suggestiva ma che potrebbe, in questa fase di intense trattative, essere pericolosa visto che Rafa Benitez difficilmente gradirebbe la presenza ingombrante a Vinovo dell’attuale Cittì della Nazionale. Vialli Presidente è più percorribile come pista, mentre per il ruolo di Direttore Sportivo salgono le quotazioni di Amedeo Carboni che il tecnico spagnolo conosce dai tempi del Valencia. Un uomo di fiducia di Benitez, un modo per ridurre la richiesta del madrileno di portare in blocco a Torino il suo staff tecnico composto da 9 elementi. L’ostacolo più grande resta la buonuscita che Benitez pretende dal Liverpool. I proprietari statunitensi vogliono trasformarla in una sorta di buonaentrata a carico dei bianconeri, possibile che le parti arriveranno ad un compromesso. La nuova Juve ha fretta di nascere.


Fonte: Sport Mediaset

Booking.com