Calcio Mercato Agüero all’Inter? Lo scoglio è Simeone

Agüero all’Inter? Lo scoglio è Simeone

448

Dopo l’ennesima sostituzione, Sergio Agüero è in rotta con il tecnico dell’Atletico Abel Resino, già in bilico dopo nemmeno un mese. L’Inter spera che sulla panchina non arrivi Simeone, che tratterebbe a Madrid la stella argentina

 

AgüeroTre settimane fa il cambio di rotta in panchina: a sostituire il messicano Javier Aguirre ci ha pensato lo spagnolo Abel Resino, ma i risultati sono sempre rimasti modesti. Cinque punti in quattro partite sono decisamente pochi, e la grana Agüero ora si sta rivelando più fastidiosa del previsto.

Sergio Agüero non ha infatti mandato giù la sostituzione nella gara di Champions League pareggiata martedì per 2-2 con il Porto. Al minuto 56′ i Colchoneros si trovavano avanti 2-1 grazie anche all’illuminazione di Aguero, che ha servito una palla da spingere solamente in rete a Maxi Rodriguez. Ma al fresco tecnico Abel Resino, al debutto in Europa e qualche partite alla guida del modesto Levante, evidentemente non è bastato: lo spagnolo ha richiamato in panchina El Kun’ sostituendolo con Sinama Pongolle, che non si è mai visto in campo.

I fischi del pubblico, il pareggio dei lusitani, le reazioni di Maniche e della stampa iberica. Il nuovo tecnico è già nell’occhio del ciclone, soprattuto per la gestione del gioiello Agüero, genero’ di Diego Armando Maradona. Una volta terminato l’incontro del Vicente Calderon, la stella biancorossa ha anche abbandonato lo stadio ignorando la società che invitava i giocatori ad andare insieme con il pullman della squadra a prendere le rispettive macchine.

Resino ha giustificato l’uscita dal campo di Agüero perchè voleva spostare Maxi Rodríguez dietro le punte per mantenere il possesso palla. El Kunveniva lasciato in panchina anche da Aguirre, che ogni volta veniva crocifisso puntualmente. Lasciato fuori ed entrato soli negli utlimi venti minuti della gara del Sanchez Pizujian persa contro il Siviglia. Richimato negli spogliatoi anche dopo 606 minuti nel pareggio interno contro il Getafe. Doccia anticipata anche nella vittoria per 3-0 sul Recreativo, doe però ha aperto le danze ed è uscito a una manciata di minuti dal fischio finale, quando ormai il risultato era in cassaforte.

Insomma, l’ultima partita intera del giocatore risale al 1 febbraio, nella brutta sconfitta interna contro il Valladolid. I tifosi dell’Atletico non vogliono che con il giovane argentino si ripeta la stessa sorte capitata a Fernando Torres, che alla fine è sbarcato a Liverpool. Alla finestra c’è sempre l’Inter,

da tempo sulle tracce del giocatore che segue con attenzione la telenovela ed è pronta a piazzare la zampata vincente. I nerazzurri sono stati ben sponsorizzati da Maradona (“Deve andare in un grande club”) e da Luisito Suarez, consigliere fidato di Moratti.

Il patron è ancora un po’ titubante sui 55milioni di euro della clausola rescissoria del 21enne attaccante sudamericano. Tanti, ma spesi bene per un nazionale argentino e uno dei più grossi talenti in circolazione. Attenzione però al solito City e il Chelsea di Abramovich, pronti a battere cassa. La situazione potrebbe risolversi presto: voci da Madrid danno possibile sulla panchina dei Colchoneros l’arrivo di Diego Pablo Simeone, ancora senza panchina dopo l’addio al River Plate. Con l’ex centrocampista dell’Inter come timoneire, El Kun sarebbe deciso a restare a Madrid.


Fonte: Paolo Sperati / Eurosport

Booking.com