Mondiali Brasile 2014 Buffon e De Rossi accusano i compagni: Ma come si permettono…

Buffon e De Rossi accusano i compagni: Ma come si permettono…

Buffon e De Rossi accusano i compagni: Ma come si permettono...Buffon e De Rossi accusano i compagni: Ma come si permettono… La Nazionale Italiana torna a casa dopo la sconfitta con l’Uruguay e le dimissioni di Cesare Prandelli e Giancarlo Abete. Questo non basta per lavarsi le mani e scaricare le responsabilità sugli altri.

Buffon e De Rossi accusano i compagni: Ma come si permettono…. “E’ un giorno molto triste per noi come movimento calcistico, per noi come gruppo. È un giorno di fallimento, è inutile negarlo. Come tale ci sono soltanto delle sensazioni di frustrazione. Avevamo iniziato bene questa competizione, ci eravamo fatti magari anche delle aspettative troppo importanti vista la prima vittoria e poi ci siamo dovuti scontrare con la dura realtà che è stata quella di una squadra che ha fatto le ultime due partite senza segnare, creando poco. Ed è uscita meritatamente”. Fin quà nulla osta, analisi precisa, ma tutti si chiedono: chi si aveva fatto delle aspettative importanti dopo la vittoria con l’Inghilterra” I tifosi certamente no, loro, i giocatori si erano illusi e Prandelli in primis si è permesso di dire che potevamo arrivare fino in fondo e vincere magari il Mondiale. Ma il ct ed i suoi giocatori conoscevano bene i propri limiti, con una difesa ballerina che faceva acqua da tutte le parti, un centrocampo che non dava più affidamento ed un attacco che aveva smarrito la via del gol. Gli illusi erano loro, non i tifosi.

Buffon e De Rossi accusano i compagni: Ma come si permettono…. Il portiere della Nazionale continua ancora la sua disamina: “Dopo i Mondiali del 2010 abbiamo ben figurato all’Europeo e in Confederations Cup. Quello che pretendiamo è la massima serenità di giudizio, la massima correttezza da parte di tutti. Spesso e volentieri si sente dire, come è giusto che sia, che c’è bisogno di ricambi. Che Pirlo è vecchio, che Buffon è vecchio, che Barzagli è vecchio. Poi la fine, la verità è che quando c’è da tirare la carretta, i Buffon, i Pirlo e i Barzagli sono sempre davanti. Bisogna rispettarci per quello che siamo adesso, nemmeno per quello che siamo stati. Bisognerebbe iniziare a premiare e non dare i meriti per sentito dire. Poi quando si va in campo bisogna fare, non dire che potrebbe fare”. Buffon e De Rossi accusano i compagni: Ma come si permettono….  Buffon non dice esattamente tutta la verità perchè tira l’acqua al proprio mulino, ossia a quello della Juventus. E quà entra in gioco la professionalità di un calciatore ed anche quella di Cerare Prandelli. Gigi Buffon non vuole ammettere che lui ed i suoi compagni bianconeri sono davvero vecchi per questo Mondiale. L’esempio viene da  nazionali con tanti talenti giovanissimi, vedi Francia, Olanda, Belgio ed altri che hanno la cultura ed il coraggio di lanciare calciatori giovanissimi in campo internazionale. Buffon, Barzagli, Pirlo dovevano farsi da parte ed essere i primi ad indicare la strada del ricambio generazionale, ma questo non accade perchè la nazionale fa sempre gola, sia per i soldi che per il prestigio. E quì è il grande flop di Cesare Prandelli che si è voluto circondare dei senatori ed alla fine si è inventato l’Italjuve per per essere scaraventati fuori dai Mondiali brasiliani.

Buffon e De Rossi accusano i compagni: Ma come si permettono…. Analisi impietosa anche quella di Daniele De Rossi: “Bisogna fare analisi con calma e con lucidità. Si rischia di sottolineare ora cose che contano meno di quanto si creda. E’ importante non cercare alibi. Ci sono state certamente componenti che hanno condizionato il risultato, come il caldo o l’arbitraggio negativo, ma non dobbiamo appellarci a queste. Dobbiamo dimenticare in fretta; anzi mi correggo: dobbiamo tenere bene in mente tutto e ripartire dagli uomini veri. Non dalle figurine o dai personaggi: questi non servono alla Nazionale. Sottoscrivo ogni virgola del concetto espresso da Gigi Buffon. Può farci bene ragionare su quanto espresso dal capitano, da uno dei portieri più forti di tutti i tempi. Questo non perché sono fra quei quattro veterani che Gigi ha ‘salvato’ ma perché è vero che noi incarniamo lo spirito giusto ed è altrettanto vero che noi ci mettiamo sempre la faccia. Chi non si sente di infondere lo stesso impegno, chi non ha la stessa passione rimanga a casa”. Buffon e De Rossi accusano i compagni: Ma come si permettono…. Ma chi è Daniele De Rossi e Gigi Buffon che si permettono di sputare sentenze che non le spettano? Allora a che serve la figura del Commissario Tecnico Cesare Prandelli? E’ opportuno che la Federcalcio prenda severi provvedimenti per le dichiarazioni, anzi accuse pesanti verso i propri compagni di squadra – le accuse sono riferite a Balotelli e Cassano –  che non hanno i titoli per farlo e che facessero in primis il loro mea culpa.  Gigi Buffon non ha speso una critica verso il proprio compagno di club, Marchisio, che si è fatto espellere, giustamente, ed ha lasciato la squadra in 1o e che abbiamo subito il gol della sconfitta con l’Uruguay. Questo dicevamo all’inizio, ognuno tira l’acqua al proprio mulino.

Booking.com