Coppe Europa League, 27 febbraio 2014 ore 19:00: Sofferenza per il Napoli, Lazio...

Europa League, 27 febbraio 2014 ore 19:00: Sofferenza per il Napoli, Lazio eliminata

551

[ad id=”46202″]

Europa League, 27 febbraio 2014 ore 19:00: Sofferenza Napoli, Lazio eliminata. Nei due match di ritorno valevoli per i sedicesimi di Europa League, il Napoli riesce a battere, seppur a fatica, un volitivo Swansea con il punteggio di 3-1, la Lazio di Edy Reja viene eliminata dopo aver pareggiato 3-3 sul campo del Ludogorets.

Europa League, 27 febbraio 2014 ore 19:00. Al San Paolo tra Napoli e Swansea, una partita equilibrata, ricca di emozioni e in bilico fino all’ultimo. Partenopei in vantaggio dopo 17’ con Insigne, bravo a scavalcare con il pallonetto di sinistro Vorm in uscita. I gallesi non subiscono il colpo e la reazione è immediata: alla mezz’ora pareggiano i conti con De Guzman, che fredda con un diagonale mancino Pepe Reina. Nella ripresa, al 78’, il Napoli, dopo varie occasioni fallite, trova il gol del 2-1 con Gonzalo  Higuain, che in girata  di destro, dopo due rimpalli favorevoli nell’area di rigore dello Swansea, insacca in rete. E’ il tripudio del San Paolo.  Nel finale, le squadre si allungano e si registrano clamorose palle gol in entrambe le aree, ma in pieno recupero, al 93’, la squadra di Rafa Benitez chiude la partita realizzando in contropiede con Inler il gol del definitivo 3-1. Il Napoli affronterà negli ottavi di finale il Porto  che ha pareggiato 3-3 a Francoforte.

Europa League, 27 febbraio 2014 ore 19:00. Al termine di una partita incredibile, la Lazio di Reja viene eliminata dall’Europa League dopo aver pareggiato 3-3 sul campo del Ludogorets che, in virtù della vittoria all’andata all’Olimpico, va agli ottavi di finale. Doccia fredda e beffa per i laziali che nonostante il match si era incanalato sui binari della vittoria.  Al 1’ era passata in vantaggio con Keita ed  al 54’ c’è stato il raddoppio di Perea. I padroni di casa accusano il colpo ma la reazione è immediata  ed accorciano le distanze al 67’ con Bezjak. I bulgari ci credono e pareggiano, complice una papera clamorosa di Marchetti, con Zlatinski al 78’ con un sinistro dalla distanza. Edy Reja corre ai ripari e fa entrare il tedesco Klose che segna il terzo gol biancoceleste a porta vuota, all’ 81. I giochi ormai sembrano fatti e la qualificazione è a portata di mano. Ma a due minuti dal triplice fischio dell’incontro, il nuovo entrato Quixada anticipa Marchetti, che non esce, e realizza i gol qualificazione per il Ludogorets. Beffa e delusione per i biancocelesti, ma se vogliamo,  la qualificazione se la sono giocata all’Olimpico di Roma con la sconfitta per 1-0 nella gara d’andata. Onore al Ludogorets  che negli ottavi di finale incontreranno  la vincente tra  Valencia e Dianamo Kiev.

[ad id=”46202″]

 

Booking.com