Coppe Europa League, Fiorentina alla grande a Zurigo. Udinese, tre schiaffi in casa

Europa League, Fiorentina alla grande a Zurigo. Udinese, tre schiaffi in casa

681

Andata dei playoff di Europa League in chiaroscuro per le italiane. La Fiorentina vince alla grande a Zurigo, mentre l’Udinese prende tre schiaffi in casa con lo Slovan Liberec.

GRASSHOPPER-FIORENTINA 1-2

Montella: Abbiamo fatto una prestazione da squadra, ma a questo punto della stagione non mi aspettavo che qualcuno potesse giocare al top delle proprie condizioni. Avremmo potuto fare qualche gol in più, ma sono soddisfatto. Dovremo stare attenti al ritorno, perché il Grasshopper in contropiede è molto pericoloso. È ancora tutto aperto, però sono molto soddisfatto. Questa squadra può ancora crescere perché abbiamo dei giocatori che possono ancora fare meglio a livello fisico. Cuadrado è cresciuto molto rispetto alla scorsa stagione. Certo, io lo vorrei perfetto. Ma quando sarà perfetto probabilmente ce lo porteranno via…”.

Andrea Della Valle: “Ljajic? Se la volontà del ragazzo è di non rimanere più a Firenze, come Montolivo, non si discute. A giorni conosceremo il suo futuro, potrebbe anche rimanere. Ma adesso è senza dubbio più difficile”.

UDINESE-SLOVAN LIBEREC 1-3

Guidolin: Spero di vedere giocare spesso la mia squadra come nel primo tempo, perché è stato eccellente. Però bisogna dire che nella ripresa l’andazzo è stato differente, abbiamo concesso troppo. E ci siamo spinti in avanti in maniera disordinata, finendo presto le forze. Adesso dobbiamo fare un’impresa. Non commettere errori e costruire tantissime occasioni da gol, magari con quel pizzico di fortuna che oggi non abbiamo avuto. La situazione si è complicata in un modo che non avrei mai pensato, nemmeno dopo il loro primo gol, che è arrivato su un tiro svirgolato dopo che non avevano mai passato il centrocampo. Il campo, però, è questo. Rigiocando un’altra volta, questa partita difficilmente finirebbe con questo risultato. Non dovevamo prendere il secondo gol, è tutta colpa nostra. Non è il caso di parlare di sfortuna. Sappiamo quello che abbiamo fatto e quello che abbiamo sbagliato”.

Domizzi: E’ stata una partita strana. Abbiamo fatto noi la gara, aggredendo gli avversari, creando occasioni a ripetizione e colpendo tre legni, ma purtroppo abbiamo pagato nelle uniche occasioni in cui hanno tirato in porta. Nel secondo e terzo gol potevamo fare meglio, ma non possiamo rimproverarci molto. Al ritorno sarà più difficile perché giocheremo in casa loro e vorranno fare bella figura di fronte al proprio pubblico, ma vista la partita di questa serata e le occasioni che abbiamo avuto, dobbiamo crederci. Sperando che giovedì prossimo la fortuna giri dalla nostra parte“.

Booking.com