Mondiali Brasile 2014 Fenomeno Muller: La Germania travolge il Portogallo

Fenomeno Muller: La Germania travolge il Portogallo

739

Fenomeno MUller: La Germania travolge il PortogalloFenomeno Muller: La Germania travolge il Portogallo. La Germania vince la gara di esordio al Mondiale contro il Portogallo del fenomeno Cristiano Ronaldo, la “Mannschaft” ha vinto per 4-0  ma il vero fenomeno è stato il tedesco Muller che ha realizzato la sua tripletta personale.

Fenomeno Muller: La Germania travolge il Portogallo. Il Portogallo di stasera  allo stadio Arena Fonte Nova di Salvador de Bahia ha iniziato alla grande sfiorando il vantaggio con CR7 al 7’ con il Pallone d’oro che sfruttando una incertezza di Lahm, si era involato in area di rigore dalla sinistra del fronte di attacco ma Neuer ha bloccato la conclusione debole di sinistro. La Germania ben disposta in campo a trazione anteriore dal c.t. Loew,  con un 4-3-3 stile Bayern Monaco con Lahm regista basso davanti la difesa e due mezzali ai lati Kroos e Khedira, ha fatto subito la partita arrivando in più occasioni nei pressi del portiere avversario Rui Patricio. In attacco il bomber Muller  supportato da Ozil e Gotze, hanno dato vivacità alla manovra tedesca. Fenomeno Muller: La Germania travolge il Portogallo. Dopo un inizio buono del Portogallo, la Germania ha colpito al primo affondo importante con Muller atterrato in area di rigore dal difensore Pereira prima della battuta a rete. L’arbitro Mazic non ha avuto nessun dubbio a decretare la massima punizione trasformata dallo stesso Muller. Fenomeno Muller: La Germania travolge il Portogallo.  Il Portogallo ha subìto il colpo ed i tedeschi con grande personalità e un gioco più fluido e manovriero, hanno ingabbiato i lusitani dominando nella prima mezz’ora creando anche l’occasione per il raddoppio con Hummels che svetta più in alto di tutti e di testa ha spedito alle spalle di Rui Patricio sorprendendo i difensori portoghesi sugli sviluppi di un corner battuto da Kroos. Manca poco per il riposo, siamo al 37′ quando Pepe è stato espulso per una gomitata di reazione su Muller. Portogallo in dieci uomini è crollato sul piano mentale e la Germania al 46′ cala il tris ancora con Muller lesto ad anticipare tutti e in piena aerea di rigore ha battuto ancora Rui Patricio. Fenomeno Muller: La Germania travolge il Portogallo. Un match che per i primi 45′ non ha avuto storie: il Portogallo che chiude il primo tempo sotto di tre gol e la ripresa con l’inferiorità numerica a causa dell’espulsione di Pepe. Nella ripresa il c.t. Bento ha sostituito Veloso mandando in campo Costa. Le cose non cambiano e le due squadre abbassano i ritmi col pensiero rivolto alla partita successiva. Nel finale di match fallo dubbio in piena area tedesca di Howedes su Eder non ravvisato dall’arbitro serbo Mazic e poi il quarto gol tedesco con Muller che ha messo in rete una respinta di Rui Patricio per mettere dentro la porta la sua terza rete. Fenomeno Muller: La Germania travolge il Portogallo. La Germania ha veramente impressionato per compattezza e personalità con un gioco anche fluido che sposta da una parte all’altra del campo almeno sette uomini. Il Portogallo ha vissuto un incubo questa sera subendo gol, giocando in 10 uomini per almeno un’ora, Cristiano Ronaldo in ombra e poco servito e perdendo per infortunio grave Hugo Almeida e Fabio Coentrao con quest’ultimo che probabilmente chiude qui l’avventura al Mondiale.

Fenomeno Muller: La Germania travolge il Portogallo. GERMANIA-PORTOGALLO 4-0

Germania (4-2-3-1): Neuer – Boateng – Mertesacker – Hummels (74′ Mustafi) – Howedes – Lahm – Khedira – Gotze – Ozil (62′ Schurrle) – Kroos – Muller (81′ Podolski).  C.T.:  Joachim Löw.

Portogallo (4-3-3): Rui Patricio – Pereira – Alves – Pepe – Coentrao (65′ Almeida) – Moutinho – Meireles – Miguel Veloso (46′ Costa) – Nani – Almeida (29′ Éder) – Ronaldo.  C.T.: Paulo Bento.

Arbitro: Mazic (Serbia).

Marcatori: 12′ Muller – 32′ Hummels – 46′ Muller – 78′ Muller.

Ammoniti: Pereira (P).

Espulso: Pepe (P).

CLICCA QUI PER IL CALENDARIO DEI MONDIALI SCARICABILE IN PDF

Booking.com