Calcio Italiano Juve: Ranieri fino alla fine

Juve: Ranieri fino alla fine

332

Vertice a Torino: nessun esonero

 

RanieriLunedì agitato per la Juventus. L’amministratore delegato Blanc e il d.s. Alessio Secco hanno affrontato in una riunione l’ “emergenza” creatasi dopo il 2-2 interno con l’Atalanta, che mette a rischio la qualificazione diretta alla Champions. In nottata, sono corse voci di esonero di Claudio Ranieri con squadra affidata a Ciro Ferrara per gli ultimi 180′ di campionato. Prospettiva per ora lontana, mentre è quasi certo il ritiro anticipato.

Un’idea che nasce non solo dall’allarme rosso della classifica, del gioco, dell’atteggiamento generale della squadra, ma anche dai germi di contestazione che continuano a moltiplicarsi: anche ieri, fuori dall’Olimpico, striscioni e cori contro Cannavaro e persino -novità- contro Lapo Elkann, “invitato” a starsene lontano dalla poltrona presidenziale. Da mercoledì in una località sulle tranquille colline senesi: questo il “weekend lungo” che Blanc e Secco, in definitiva, stanno organizzando per la loro scossa comitiva.

Certo, sul tavolo ci sono anche gli altri problemoni. Ranieri rimane altri 180 minuti, ma giusto quelli. Si punta dritto su Spalletti e le prime mosse della campagna acquisti (dall’acquisto di Diego, alla caccia insistita a Dossena per finire alla sopravvenuta incedibilità di Iaquinta, pretoriano del tecnico della Roma) fanno pensare che le cose siano molto più avanti rispetto a un semplice contatto. Ma a proposito di campagna acquisti, sembra non esserci ancora pace nemmeno sul fronte Diego. Il Werder le prova tutte fino al 90′ (anzi, fino al tempo di recupero) per provare a strappare piu’ soldi alla Juventus. “Non e’ ancora un affare fatto– ha detto il ds Klaus Allofs alla Bild- Ci sono delle cose da sistemare. Ostacoli non insormontabili, ma dobbiamo parlarne“. Il problema sarebbe nei circa 4,5 milioni di euro che il brasiliano deve avere, per un accordo con il club tedesco, nel caso di una sua cessione. Il Werder vorrebbe che a pagarli fosse la Juve, in piu’ rispetto ai 29 milioni pattuiti invece con la società’ per l’acquisto del cartellino. I bianconeri, invece, intendono scarlarli dai 29: 4,5 al giocatore, quindi, e 24,5 al Werder Brema. “Non e’ detto che alla fine Diego non vada al Bayern Monaco”, prova a fare il duro Allofs. Minaccia risibile: però che stress, anche lì.


Fonte: Sport Mediaset

Booking.com