Calcio Mercato Milan, le news e gli aggiornamenti del 6 agosto: Honda è fatta,...

Milan, le news e gli aggiornamenti del 6 agosto: Honda è fatta, diktat a Ljajic

526

Keisuke Honda
Come riporta Tuttosport, durante la giornata di oggi, il calciatore giapponese firmerà il contratto che lo legherà con la società rossonera. All’incontro saranno presenti anche il fratello-agente del calciatore, Hiro Honda, e l’intermediario Fabrizio De Vecchi. La complicata operazione Honda si dovrebbe chiudere ad una cifra pari a 4,5 milioni di euro. Dopo la firma sul contratto, Honda ridiscuterà anche i contratti con i suoi sponsor.

Adem LjajicAdem Ljajic
Secondo Gianluca Di Marzio, il padre del calciatore serbo è atteso per domani a Firenze. Il nuovo incontro per discutere del rinnovo del contratto tra Ljajic e la Fiorentina è previsto per il 12 o il 13 agosto. Secondo Fabrizio Failla, intervistato da Il Sussidiario, Ljajic potrebbe ricevere l’adeguamento di ingaggio richiesto ma non accetterà l’inserimento di una clausola rescissoria. Come riporta La Gazzetta dello Sport, invece, il padre di Ljajic sarebbe favorevole ad un trasferimento del figlio al Milan. Secondo Enzo Bucchioni, però, il presidente della Fiorentina, Diego Della Valle, è letteralmente infuriato per la situazione creatasi e ha imposto un diktat al giocatore: o firma il rinnovo del contratto o finisce fuori rosa. Della Valle non sembrerebbe minimamente turbato dalla possibilità di perdere il giocatore a parametro zero tra un anno.

Bryan Cristante
Come riporta Il Corriere di Verona, il giovane centrocampista rossonero è entrato nel mirino di due club: il Chievo e il Brescia. Entrambi chiedono il prestito del calciatore.

Marco Amelia
Secondo il sito Tutto Mercato Web, il Torino è interessato al secondo portiere rossonero ma la società rossonera sarebbe intenzionata a tenerlo perché vorrebbe valutare più attentamente l’operato di Gabriel. Secondo La Gazzetta dello Sport, invece, il portiere è molto vicino al Monaco e il Torino sarebbe tagliato fuori per via dell’ingaggio troppo alto.

Booking.com