Calcio Italiano Serie A – La mano di Adriano a rischio squalifica

Serie A – La mano di Adriano a rischio squalifica

452

Il gol di mano di Adriano nel derby apre la discussione. Moratti non lo ritiene determinante, ma intanto rischia di incorrere nella prova televisiva e il Giudice Sportivo sarà chiamato a decidere su una sua eventuale squalifica

 

AdrianoC’era una volta la “Mano de Dios“. Ai giorni nostri bisogna accontentarsi di un Gilardino che segna con il braccio, esulta e poi si pente. O di un Adriano che incanala il derby sui binari giusti grazie a un colpo che è sì di mano, ma forse non è nemmeno irregolare. L’arbitro Rosetti non ha avuto dubbi a convalidare il gol, così come i milanisti a ritenerlo irregolare.

L’Imperatore però rischia la squalifica e non è una provocazione. Il sostituto procuratore addetto Stefano Palazzi ha infatti inviato entro il termine la segnalazione sull’azione incriminata. Destinatario il Giudice Sportivo Tosel , che martedì sarà chiamato a decidere se applicare o meno la norma che sanziona gol di mano e simulazioni recentemente introdotta. Gilardino in Palermo-Fiorentina si beccò due turni, dopo che l’arbitro aggiunse al suo referto di non aver visto il fallo del giocatore viola. Serviranno quindi i supplementi di referto di Rosetti e dell’assistente Calcagno che dovranno motivare il mancato fischio…

Non tutti, comunque, sono concordi nei giudizi. Quel gol era da annullare o no? A fugare i dubbi pensa Massimo Moratti. Era una svista, ma tanto…

PAOLO CASARIN “Non vedo il nesso tra l’episodio di Gilardino e quello di Adriano. Il primo voleva ingannare l’arbitro, in questo caso è diverso. Ma quello dell’attaccante dell’Inter è un movimento eseguito non con braccio inerte, ma con braccio teso e mosso verso la palla, insomma era volontario e il gol non regolare. Il calcio sul fuorigioco e sul fallo di mano sta andando verso un tradivo liberismo, la regola non sembra chiara e quanto al fallo di mano ricordiamo a tutti che il mani non è calcio. E basta”.

GIANLUIGI BUFFON: “Io credo sempre nella buona fede delle persone. Per questo credo anche nella buona fede di Adriano. Quel colpo di mano, rivisto più volte alla televisione, mi è sembrato assolutamente involontario. Episodi così, comunque, fanno parte dell’imprevedibilità del calcio”.

DEMETRIO ALBERTINI: “Lo reputo un gesto involontario e quindi la rete era da convalidare. E’ vero però che qualche domenica prima al Milan è stato annullato un gol molto simile di Seedorf. Questo dimostra come è sempre difficile fare l’arbitro ed uniformare le decisioni da partita a partita”.

MASSIMO MORATTI: “Il gol di Adriano con l’aiuto del braccio è una semplice svista che può capitare, non certo un favore, ma avremmo vinto comunque. Poteva finire con una vittoria più netta, ma l’importante, come sempre, è portare a casa la vittoria e farlo con una prova di potenza, anche fisica e di gioco, molto piacevole da vedere”.


Fonte: Eurosport

Booking.com