Calcio Estero Si riparte da Diego. Werder alle strette

Si riparte da Diego. Werder alle strette

398

Il trequartista è ormai ad un passo dal vestire la maglia bianconera
DiegoSempre Diego in prima fila. Anche se alla Juve intanto accade di tutto, anche se il finale di stagione rischia di interferire sulle future strategie e sulle prossime decisioni. Diego però resta in prima fila. Perché a questo argomento la Juve ha dedicato grandi approfondimenti. In altre parole: perché il club bianconero ha il giocatore in pugno.

STOP – In questo momento però la trattativa risulta congelata. Come ormai è risaputo, la Juve ha raggiunto l’accordo verbale con il giocatore. A tanto sono valsi i ripetuti viaggi del papà manager Djair tra Brema e Torino. Più di un incontro per limare i dettagli e definire l’intesa: un contratto quadriennale da 3,5 milioni a stagione, piena soddisfazione da parte del giocatore, dichiarazioni rivelatrici con ammicamenti espliciti rivolti alla Juve. Insomma, tanti particolari che messi assieme definiscono un quadro completo.

RINVIO – Ora alla Juve non resta che chiudere l’affare direttamente con il Werder. Ma in questo momento non è possibile. I tedeschi sono ancora concentrati sul finale di stagione, sul piazzamento in classifica e anche sulla gara di ritorno delle semifinali Uefa, sull’impresa che Diego e compagni inseguiranno contro l’Amburgo dopo la sconfitta casalinga nella gara di andata.

CIFRE – E allora bisognerà ancora attendere. In teoria ci sarà da discutere anche per il prezzo del cartellino. In teoria, perché la sensazione è che alla fine il Werder dovrà adeguarsi alla volontà del giocatore e alla posizione privilegiata della Juve. I bianconeri propongono una cifra di poso superiore ai 20 milioni, il Werder ne vorrebbe 25. Non a caso Klaus Allofs, dg dei verde- arancio, non ha perso occasione per enfatizzare una possibile offerta del Bayern Monaco.

CONCORRENZA – E’ una prospettiva reale: il Bayern si appresta a cedere Ribery al Barcellona per qualcosa come 35 milioni, logico che i bavaresi possano decidere di reinvestire parte di quella cifra su un acquisto importante. Ad esempio Diego. La Juve per adesso resta a guardare. E non sembra un atteggiamento di circostanza. I bianconeri hanno la consapevolezza di aver raggiunto una posizione di primo piano. Sanno di essere in vantaggio su tutti. Ma l’affare non è ancora chiuso. Se ne riparlerà a fine stagione, a giochi fermi. Quando anche la Juve avrà le idee più chiare, in generale.

Fonte: Tutto Sport di  Luca Borioni
Booking.com