Nazionale Italiana Belotti tra sogno e realtà. Il Gallo lancia un appello ai giovani

Belotti tra sogno e realtà. Il Gallo lancia un appello ai giovani

Andrea Belotti - ItaliaSeconda giornata di lavoro a Coverciano per la Nazionale, che sul campo del Centro Tecnico Federale continua a preparare il match valido per le qualificazioni alla Coppa del Mondo FIFA di Russia 2018 con il Liechtenstein (12 novembre, Vaduz) e l’amichevole con la Germania (15 novembre, Milano).

Dopo la tradizionale conferenza stampa di inizio raduno di Gian Piero Ventura, oggi davanti a microfoni e taccuini si è presentato Andrea Belotti, uno dei giovani talenti italiani più promettenti. Arrivato a quota otto reti in campionato e a segno anche nell’ultima trasferta degli Azzurri in Macedonia, l’attaccante del Torino non intende fermarsi: “So che è un’occasione molto importante per me – le sue parole in conferenza stampa – sono entrato nel giro della Nazionale e farò di tutto per restarci. Devo cercare di dimostrare sul campo il mio valore e sono consapevole che posso dare una grossa mano a questa Nazionale”.

Ventura ha speso anche ieri parole d’elogio per Belotti e Immobile, due attaccanti che il Ct conosce bene avendoli allenati la scorsa stagione al Torino: “Ringrazio Ventura, io e Immobile, come del resto tutti i miei compagni, sappiamo che quando ci viene data l’occasione dobbiamo dimostrare di meritarla”. Sulle pareti di Coverciano le immagini raccontano la storia e i trionfi della Nazionale, una storia che Belotti vuole contribuire a scrivere nei prossimi anni: “Essere qui e vedere le foto del successo Mondiale del 2006 fa un certo effetto. Sentire poi i racconti dei compagni che c’erano a Berlino ti fa venire ancora più voglia di provare certe emozioni”.

Il sorriso di Belotti è la prova che a volte i desideri diventano realtà: “Per me era un sogno arrivare dove sono adesso, ci ho creduto sempre e non ho mai mollato. Invito tutti i giovani – l’appello del ‘Gallo’ – a continuare a sognare perché basta crederci e i risultati arrivano. Non bisogna guardare l’età in un giocatore, ci sono tanti giovani promettenti che stanno dimostrando di poter fare grandi cose“. E che in Nazionale possono crescere anche grazie ai consigli degli Azzurri di lunga data: “Buffon, Bonucci e De Rossi mi hanno fatto inserire al meglio nel gruppo e ora stanno facendo lo stesso con gli altri, dimostrando di essere grandi uomini oltre che grandi campioni”.

http://www.figc.it/

Booking.com