Calcio Italiano Serie A – …e lo sceicco ora vuole tutto il Milan!

Serie A – …e lo sceicco ora vuole tutto il Milan!

543

Il proprietario del City, dopo Kakà, vorrebbe comperare il 40% del club: pronto un investimento da 500 milioni di euro per rilanciare il club rossonero. Mansour Bin Zayed da tempo pensa di investire nel calcio italiano, dove ha molti altri interessi. La trattativa è aperta…

 

sceiccoPrima voleva Rondaldinho (quando ancora era al Barcellona), poi Buffon (ma quello lo vuole ancora!), quindi ha fatto un’offerta sontuosa per Kakà (respinta al mittente), infine ha epsresso un pensierino su Pato.

Intendiamoci. Non è che se il nostro macellaio ha un buon filetto, della splendida trita ed eccellenti costate finiamo per comprarci tutto il negozio. Una roba del genere non è da tutti.

Ma lo sceicco Mansour Bin Zayed Al Nayan può farlo: di qui il suo pensiero stupendo… Già che ho il 5% di Mediaset e il 15% della Ferrari- si dev’essere detto – considerando che qualche proprietà immobiliare in Italia me la sono già presa, fermo restando che ho anche ingenti quote di capitale di aziende e che alcuni dei miei migliori clienti sono italiani perchè non mi compro il Milan?

Detto fatto; la notizia riportata ieri da alcuni tabloid britannici, e non smentita, è stata ribattuta questa mattina dal Corriere della Sera, ma si arricchisce di nuovi particolari. Vedremo se arriveranno smentite in questo caso anche se ufficiosamente pare che il Milan sarebbe ben contento di avere un socio di capitale pronto a investire un sacco di soldi.

Si parla di un’offerta straordinaria, circa 500 milioni di euro per il 40% della proprietà della squadra. Un’offerta pazzesca che se ci pensiamo non è del tutto in linea con le prospettive di mercato perché se Mansour era pronto a spendere circa 150 milioni di euro (tasse, ingaggi e cartellino, tutto compreso) solo per Kakà, finisce che per altri 350 milioni si prende anche il 40% di Ronaldinho, Beckham, Pato, Pirlo, Seedorf e di tutto il resto, proprietà immobiliari comprese, marchio e bacheca compresa.

In effetti c’è da farci una riflessione: si tratterebbe di una flebo di denaro ingentissima in una società che a occhio e croce vale 900 milioni di euro e che ha chiuso la scorsa stagione con un bilancio in rosso per quasi 32 milioni pagando ingaggi per 200 milioni complessivi.

Ma sarebbe anche una grande occasione per Silvio Berlusconi che per quanto innamorato della sua creatura sportiva trova sempre più scomodo e difficile investire molti soldi nel club rischiando di suscitare le critiche intanto dei suoi consigli di amministrazione (la figlia Marina in testa non è per niente contento che la famiglia debba fare i conti anche con i debiti del calcio in questo periodo di crisi) ma anche qualche contraccolpo politico.

Mansour ha l’abitudine di comperarsi quello che vuole: non ha problemi a farlo. L’ultima cosa che gli mancano sono i soldi. Intanto ha invitato il Milan per un’amichevole a Dubai, dove lo sceicco vanta discrete credenziali: un patrimonio potenziale che sfiora i 20 miliardi di euro e che aumenta, nelle giornate in cui non si ammazza di fatica, di una milionata di euro al giorno.


Fonte: Eurosport

Booking.com